Home Cannabis Terapeutica Amici a quattro zampe depressi? La cura con la Cannabis.

Amici a quattro zampe depressi? La cura con la Cannabis.

0
La Cannabis per i nostri amici a 4 zampe
Curare Animali con Cannabis
Tradevapo ingrosso vaporizzatori

Cani e gatti curati con la Cannabis

Il vostro cane è troppo aggressivo? Il gatto è depresso? Nessun problema. La Cannabis ci viene in soccorso. Secondo la Dr.ssa Carla Bernasconi, presidente dell’Ordine dei Medici Veterinari di Milano, non ci sarebbe nessun problema fare un uso terapeutico della Cannabis anche sui nostri amici a quattro zampe. In particolare si può utilizzare un olio che contiene estratto di Canapa e CBD al 5%. Il CBD, come ben sappiamo, è un principio attivo completamente naturale presente nella Canapa. Lo conosciamo per le sue proprietà antinfiammatorie, antiossidanti ed efficaci contro ansia, insonnia e panico. Chiaramente riscontrare sintomi del genere su cani e gatti è abbastanza atipico, ma pare che il CBD sia efficace durante i decorsi post operatori dei nostri amici animali, o se i cani dovessero apparire troppo aggressivi.

Prodotti certificati e di qualità

In commercio esistono prodotti di elevata qualità. Si tratta di oli prodotti in svizzera o in Italia e immessi sul mercato solo dopo rigidi controlli e certificazioni. La Canapa dalla quale viene estratto l’olio è rigorosamente di origine bio. Di seguito il link ad un olio al CBD studiato per i nostri amici a quattro zampe:

Un trattamento sicuro e naturale

Il Medico pioniere nell’utilizzo della cannabis per curare i cani è stato il dottor Douglas Kramer il quale, andando contro l’establishment delle sanità, ha cominciato a curare il suo husky malato con la cannabis. Alla stampa ha dichiarato: “Sono stanco di praticare l’eutanasia di animali domestici sapendo di non fare tutto il possibile per rendere la loro vita migliore”.

Per stessa ammissione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, il CBD è un prodotto sicuro che non dà dipendenza. Gli animali non vengono sedati, si tratta infatti di un miorilassante.

Facebook Comments